Gamification, Game-based Learning e Serious Games

1 Luglio 2021

La Gamification non è un gioco, né un Serious Game. La Gamification non è nemmeno Game-Based Learning.

Non c’è bisogno che i discenti partecipino ad un vero e proprio gioco, né online né in presenza; in poche parole, la gamification non consiste nel progettare dei giochi a tutto tondo, ma consiste nello sfruttare le meccaniche ed elementi tipici del gioco per rendere certe attività (nel nostro caso, l’eLearning) più motivanti e coinvolgenti. Lo scopo è esaltare l’esperienza di apprendimento, non sostituirla con lo svago.

Game

Gamification, game-based learning, serious games: che differenza c’è?

Le differenze tra gamification, game-based learning e serious games sono spesso oggetto di dibattito, anche se in fin dei conti condividono scopi affini. In ambito lavorativo, indipendentemente dal livello di gamification applicato, qualsiasi forma di apprendimento è riconducibile ad obiettivi strategici e propositi molto seri. In altre parole, tutte e tre le strategie cercano di risolvere problemi, motivare i partecipanti e promuovere l’apprendimento attraverso meccaniche di gioco.

Cos’è la Gamification?

Come abbiamo visto nel nostro precedente articolo, la Gamification è un metodo in cui elementi mutuati dal gioco sono incorporati in un percorso formativo in eLearning per favorire la trasmissione delle conoscenze. Adottando tecniche di game design è possibile coinvolgere maggiormente i discenti, migliorando la loro produttività e i risultati.

 Gamification, i pro:

  • Bassi costi di sviluppo (piattaforme LMS come Moodle dispongono di ottimi plugin pensati per una semplice implementazione di meccaniche di gioco)
  • È applicabile su di un percorso formativo o un’iniziativa già esistente.
  • Un’ottima tecnica per rendere più interessanti compiti monotoni o ripetitivi.
  • È efficace nello stimolare la competizione costruttiva tra colleghi o studenti.

Gamification, i contro:

  • È meno efficace alla lunga poiché i risultati virtuali non forniscono una gratificazione a lungo termine
  • Risulta efficace solo su determinati target, in particolare gli utenti performance-oriented.
  • Non è applicabile a qualsiasi tipo di problema.
  • Deve essere applicata a contenuti esistenti.

Cos’è il Game-based Learning?

Il Game-based learning è una metodologia che consiste nell’utilizzare giochi esistenti (o parte di essi) per il raggiungimento di un determinato obiettivo formativo.

Game-based Learning, i pro:

  • A seconda del target, può motivare i discenti facendo direttamente appello ai loro interessi.
  • Il Game-based Learning offre un ambiente in cui i discenti possono sperimentare e ricevere feedback immediato per le loro scelte.
  • Dato un ambiente di gioco accattivante e immersivo, il Game-based Learning mantiene i discenti coinvolti e attenti nel tempo.

Game-based learning, i contro:

  • L’applicazione del Game-based Learning dipende dalla presenza sul mercato di un gioco adatto agli obiettivi formativi del target: può darsi che non esista (ancora) un gioco per ogni problema.
  • È necessario che i discenti ricevano istruzioni da un tutor o un formatore che guidi adeguatamente il Game-based learning, qualcuno che offra ai partecipanti la giusta chiave di lettura per trasformare un gioco in uno strumento di apprendimento.

Cosa sono i Serious Games?

La principale differenza tra Gamification, Game-based Learning e Serious Games è che le prime due sono metodologie, mentre i Serious Games sono un prodotto attraverso cui il Game-based Learning è possibile.

I Serious Games sono giochi il cui obiettivo primario è trasferire conoscenze e competenze oppure indurre cambiamenti comportamentali; l’intrattenimento non è escluso, ma non è l’obiettivo primario. I Serious Games sono spesso applicati dalle aziende per raggiungere obiettivi complessi, soprattutto nel settore dell’istruzione e della sanità.

Un Serious game è progettato in modo tale da far acquisire agli utenti nuove nozioni svolgendo un’attività piacevole e gratificante, talvolta aumentando le proprie competenze in maniera inconsapevole.

Serious games, i pro:

  • I Serious Games sono applicabili virtualmente a qualsiasi tipo di problema, dal momento che vengono sviluppati e personalizzati ad hoc.
  • Sono molto efficaci per via della motivazione intrinseca che spinge i discenti a continuare a giocare.
  • Può essere un’iniziativa completamente autonoma.

Serious games, i contro:

  • Lo sviluppo di un Serious Game è complesso, richiede molto tempo ed è spesso costoso.
  • Lo sviluppo di un Serious Game richiede specifiche conoscenze settoriali
  • L’implementazione di un Serious Game necessita di supporto tecnico specialistico.

Game2

Scegliere la giusta metodologia per un percorso in eLearning

Aspetti quali i temi trattati, gli obiettivi formativi, l’anagrafica e le esigenze specifiche degli utenti, possono determinare la direzione migliore in cui muoversi quando si sta considerando di implementare la gamification, il game-based learning o i serious games. Si tratta in ogni caso di soluzioni innovative e di impatto, l’unica incognita è quale di esse porterà risultati maggiori e più duraturi.

Learning Solution, in collaborazione con Tiny Bull Studios, sta sviluppando un corso di formazione sulla cybersecurity in forma di serious game. Questo approccio innovativo è volto a fornire un’esperienza formativa coinvolgente e orientata alla pratica, utilizzando il format del serious game per simulare scenari di minacce informatiche. I destinatari avranno l’opportunità di apprendere attraverso lo storytelling e attività altamente interattive: affrontando sfide e risolvendo problemi legati alla sicurezza dei dati in un ambito aziendale. Tale format rende l’apprendimento più efficace grazie ad un’esposizione dei contenuti avvincente ed esercitazioni divertenti, incoraggiando così la partecipazione attiva e migliorando la retention delle informazioni.

Se sei interessato contattaci per richiedere una demo. Scrivici via email a info@learningsolution.it o chiama il numero +39 011 069 9219.