Webinar e Classe Virtuale: qual è la differenza?

13 Novembre 2020
webinar

L’apprendimento nei corsi online sincroni passa soprattutto attraverso l’interazione tra docente e utenti iscritti. Quando si desidera raggiungere un pubblico in più luoghi contemporaneamente, un webinar o un’aula virtuale sono delle buone opzioni. Entrambe sono modalità che incoraggiano il feedback e sono ottime per coinvolgere gli studenti durante l’erogazione di corsi online, ma quali sono le principali differenze? Con questo articolo vogliamo fornirvi una panoramica più approfondita dell’argomento.

Webinar vs Classe Virtuale: in breve

Qual è la differenza e qual è la scelta migliore? In breve, potremmo dire che un’aula virtuale è come una vera e propria classe in cui gli studenti sono connessi tra di loro e con l’insegnante, tramite Internet. Un webinar, invece, è più simile ad una lezione frontale online. La principale differenza è data dall’interazione tra gli utenti. Di seguito cercheremo di fare chiarezza sui diversi aspetti e sui contesti di applicazione ideali di entrambe le modalità.

Dimensioni del gruppo di partecipanti

I webinar sono adatti sia a piccoli che a grandi gruppi, con fino a migliaia di utenti connessi. Il numero massimo di partecipanti dipende principalmente dalla piattaforma utilizzata. Le aule virtuali, invece, dovrebbero mantenere delle dimensioni più ridotte, preferibilmente non superiori ai 20 studenti. Quando si desidera avere più partecipanti, è necessaria la presenza di moderatori aggiuntivi che si occupino dei diversi aspetti tecnici, come la gestione delle chatbox e delle sale riunioni.

I contenuti

I webinar sono utili per trasmettere informazioni in maniera unidirezionale, ad esempio per diffondere nozioni di aggiornamento su nuove politiche o norme di sicurezza all’interno di un’azienda. I webinar sono adatti anche per condividere conoscenze, per promuovere la propria attività, per scopi di vendita o per costruire un database di clienti. Poiché le aule virtuali, invece, sono più piccole e più interattive, rappresentano un mezzo migliore per offrire un’esperienza di apprendimento attiva e approfondita su un argomento specifico; i discenti possono prendere parte ad attività di esercitazione, discutere degli esempi visti o dividersi in gruppi per pianificare e sviluppare progetti collaborativi.

L’interazione

Come detto in precedenza, i webinar sono lezioni unidirezionali, adatte a fornire informazioni a un pubblico ampio. L’interazione è spesso limitata a una chat, un sondaggio o una sessione di domande e risposte alla fine. Ciò che quindi manca ai webinar è la reale interazione tra gli utenti. L’aula virtuale favorisce invece il dibattito, permette ad esempio agli studenti di utilizzare una lavagna o di formare gruppi di lavoro, divisi in stanze, per lavorare su un compito specifico. Idealmente, l’insegnante non parla molto a lungo prima dell’inizio delle attività. Ciò significa anche che un’aula virtuale richiede più tempo di preparazione rispetto a un webinar: occorre sviluppare le attività (usando ad esempio delle cartelle di lavoro) o preparare le stanze per diversi sottogruppi ed è necessario dotarsi di strumenti digitali che consentano agli studenti di immergersi completamente nelle discipline trattate e agli insegnanti di creare un ambiente di apprendimento altamente interattivo e collaborativo.

La durata

La durata massima di un webinar dovrebbe aggirarsi intorno ai 45-60 minuti. Con una lunga conversazione unidirezionale, infatti, è molto più probabile che i partecipanti si distraggano. Un relatore accattivante, un sondaggio o una chatbox attiva possono sicuramente aiutare in tal senso, ma in genere, mantenere un alto livello di attenzione per più di un’ora può risultare molto faticoso. Un’aula virtuale potrebbe durare un po’ più a lungo, anche qualche ora, ma per mantenere l’attenzione dei partecipanti, è fondamentale organizzare le attività in modo da tenerli attivi. Inoltre, è da tener presente che l’aula virtuale richiede più energia dal docente o formatore  rispetto a una formazione head to head. Se occorre più tempo, meglio distribuire il contenuto su diverse sessioni.

Webinar o Classe Virtuale? Learning Solution ti aiuta nella scelta!

Viste le diverse caratteristiche di queste due modalità di erogazione, occorre pensare ai propri obiettivi formativi. Pianificare le proprie attività in eLearning integrando i giusti format e strumenti è la chiave per una formazione online efficace. Per orientarsi nella scelta, il supporto di professionisti dell’eLearning è fondamentale. Learning Solution è al tuo fianco e ti aiuta ad individuare gli argomenti, gli strumenti e i format più congeniali per la tua formazione online.

Per maggiori informazioni visita il nostro sito o scrivici a info@learningsolution.it.

Ti potrebbero interessare